Asiatica Film Festival

'Asiatica -Incontri con il cinema asiatico- nasce nel 2000 dall’idea di costruire un originale ponte di comunicazione tra l’Italia e il continente asiatico. Sensibile ai cambiamenti e alle nuove possibilità di confronto tra culture, l’Associazione Mnemosyne realizza quest’idea, individuando nel cinema il mezzo ideale per rinnovare il dialogo tra Occidente e Oriente'

Con 4.436 miliardi di persone, circa 3/5 della popolazione mondiale, l'Asia rappresenta oggi il bacino di alcuni dei fenomeni sociali ed economici di maggior rilievo nel panorama mondiale. Nel mondo globalizzato, l'intensificarsi del rapporto di interdipendenza tra Occidente e Oriente pone l'impellente necessità di conoscere, oggi, non solo le dinamiche sociali ed economiche che caratterizzano tale processo, ma anche l'eterogeneità delle diverse espressioni culturali generate dalle implicite ed esplicite contraddizioni del continente. Asiatica ha cadenza annuale, ed è ormai considerato un appuntamento di rilievo internazionale, dalla sua nascita ad oggi, il festival ha raggiunto e superato le 14.000 presenze.

'Attraverso una costante attività di networking culturale Asiatica è stata negli anni capace di spaziare al di là del panorama artistico e culturale Occidentale, offrendo al suo pubblico il meglio della cinematografia Asiatica'

Nel corso delle diciassette edizioni finora realizzate la Manifestazione ha dato spazio a circa 600 film, invitando a Roma circa 400 ospiti, tra registi, produttori, attrici, artisti, scrittori, studiosi asiatici provenienti da: Afghanistan, Azerbaijan, Bangladesh, Birmania, Cambogia, Cina, Corea del Sud, Filippine, Giappone, Hong Kong, India, Indonesia, Israele, Iran, Iraq, Kazakistan, Kirghizistan, Libano, Malesia, Mongolia, Palestina, Pakistan, Singapore, Siria, Sri Lanka, Tailandia, Taiwan, Turchia e Vietnam. Asiatica ha inoltre annualmente proposto mostre, live performance, eventi e sezioni speciali che hanno completato l'esperienza cinematografica ed ampliato lo spettro delle espressioni scelte per avvicinare la Capitale e il suo pubblico alle culture asiatiche e ai popoli d'Oriente.




Joint Cultural Initiatives

La Joint Cultural Initiatives è un società cooperativa fondata nel 2017, che ha come scopo principale l'elaborazione e la realizzazione, in Italia e all'estero, di servizi attinenti al settore della cultura. La Joint Cultural Initiatives eredita la diciottesima edizione di Asiatica dall'Associazione Culturale Mnemosyne, associazione promotrice dell'evento sin dalla prima Edizione nel 2000.
L’Associazione Culturale Mnemosyne, fondata alla fine del 1996 a Roma da operatori culturali, autori e artisti dello spettacolo, ha sostenuto e realizzato nell’arco degli anni numerosi progetti di natura innovatrice in diversi campi culturali, nella convinzione che uno sviluppo interdisciplinare meglio corrisponde alle istanze che si pongono a chi intende promuovere la cultura in Europa e nel mondo e una particolare attenzione agli intrecci ed alle contaminazioni culturali, alle migrazioni di memorie, identità ed idee.

Direttore Artistico

add
Italo Spinelliclose

Italo Spinelli, classe 1951, è un regista Italiano di cinema, teatro e televisione. Dal 2000 dirige a Roma il Festival del cinema Asiatico - Asiatica, Incontri con il cinema Asiatico- , une evento ha cadenza annuale dedicato al cinema Asiatico. Membro giurato di numerosi festival di Cinema internazionali, nonchè parte della giuria NETPAC (Network for The Promotion of Asian Cinema); ha insegniato cinema e teatro all'università di Siena. Italo Spinelli è tra i fondatori del Warburg Italy Centre. Ha scritto per l'Enciclopedia di Cinema Treccani l'intera sezione sul cinema Indiano. Ha scritto il volume - Indian Summer: Film, registi e star tra Ray e Bollywood, (Olivares edizioni). Collabora con numerose riviste tra cui Lo straniero diretto da Goffredo Fofi. Nel 2005 ha curato presso le Scuderie del Quirinale a Roma la retrospettiva Indian Visions. Dal 2006 al 2008 ha lavorato come consulente internazionale per la Festa del Cinema di Roma. Nel 2007 era responsabile per la sezione di film provenienti da Asia e Africa nel suddetto Festival. L'anno successivo è stato il curatore per il Terra di Siena Film Festival della sezione focus - documentari Iraniani -. Nel 2015 presso il museo - MAXXI - ha presentato: La Rivoluzione è Finita? un due giorni di proiezioni su gli impatti e le conseguenze della rivoluzione Iraniana attraverso i fatti, le idee, e le opere artistiche delle personalità che sono riuscite ad esprimere le contraddizioni del Iran moderno attraverso lo strumento della cinematografia. Nel 2016, presso lo stesso museo, ha progettato e presentato l'evento: - la Storia in Movimento. Racconti del Cinema Turco Dagli Anni 60 ad Oggi - Da i Giovani Turchi ai Film Impegniati di Yilmaz Güney". In ambito teatrale ha diretto oltre 20 spettacoli, tra cui Woyzeck (2017) di Georg Buchner al Teatro Palladium di Roma, La Repubblica (2004) di Platone per il Piccolo di Milano, My Molfetta (2006) in collaborazione con la banca Cattolica Popolare e La giornata di uno scrutatore (1996) di Italo Calvino per il Teatro Stabile di Roma. Ha diretto nel corso degli anni diversi documentari per l'emittente televisiva RAI, molti dei quali sull'Asia - l'India in particolare - affrontando attraverso il cinema temi e questioni sociali, politiche ed economiche. Ha realizzato reportage e collaborazioni con diversi scrittori, tra cui: Mario Vargas Llosa, Amitav Ghosh e Gregory Roberts. Filmografia: 2015/2016 - Da'wah. Regista, Kaya Film Indonesia production, Documentario. 2014/2015 - Terre d'Islam. Regista e co-sceneggiatore con Alberto Negri, Barther production - Istituto Luce Cinecittà. Documentario 2012/2013 - Nuovi Comizi d'Amore. Regista e co-sceneggiatore con Vincenzo Cerami, produzione Madeleine srl. Documentario. 2010/2011 - Gangor (35mm). Regista e Sceneggiatore, co-production between Italy and India. Festa del cinema di Roma in competizione (2011); Shanghai International Film Festival (2011); Taipei Film Festival (2011); New Jersey Independent South Asian Film Festival (2011): Award for Best Director, Best Actor and Actress; Festival of Cosenza (2011): Spring of Rights Award; Cinemanila International Film Festival (2011): Lino Brocka Award - Best Award for best film in competition; Third Eye International Film Festival of Mumbai (2011): NETPAC Award (Network for promotion of Asian Cinema) and Special Jury Mention; London Asian Film Festival (2012): Award for Best Director; New York Indian Film Festival in competition (2012). 2009 - The Streets of Shantaram. Regista. Rome Film Festival - Focus India; River to River - Florence Indian Film Festival. 2002 - Ten Minutes Older - The Cello. Storia di BerLo Staffnardo Bertolucci, assistente e direttore del casting. 2000 - Migrare, Scene da una Cucina. Direttore, sceneggiatura e Fotografia. Torino Film Festival. 1999 - Bernardo Bertolucci, Hyderabad. Regista. RaiSat. 1998 - Danzando in Cambogia. Regista e sceneggiatore. Festival delle Genti di Firenze, Miglior Documentario. 1996 - Phoolan Devi, La regina dei banditi. Regista. Mixer - RAI 2. 1996 - Una famiglia, una dinastia: Benazir Bhutto. Regista. Mixer - RAI 2. 1995 - Un fiume di Cinema, sulle orme di michelangelo. Regista. 1993 - India, Un paese in trasformazione . Regista. Mixer - RAI 2. 1992 - Il Sacrificio (16mm). Regista e sceneggiatore. RAI 2. 1991 - Corsica (35mm). Regista e scenggiatore. Festival del Cinema di Venezia. Festival del Mediterraneo. 1989 - Roma, Parigi, Barcellona (35mm), co-regista e sceneggiatore. Premio Vittorio De Sica; premio SNCCI . 1988 - Ripensando Lima. Direttore e sceneggiatore. Premio Nazionale per la Produzione Televisiva. 1980 - Doppio Movimento. Co-regista e sceneggiatore.

Italo Spinelli, classe 1951, è un regista, sceneggiatore e attore italiano. Il suo ultimo film 'Da'wah'(l'invito) è stato presentato fuori concorso alla dodicesima edizione del festival del cinema di roma.

Italiano